L'equilibrio fra il Fare ed il Sapere


In estate si può sfruttare il tempo libero per fare tantissime cose utili, fra cui rilassarsi, guardare le nuvole, ascoltare il suono del mare (o quello del vento), visitare luoghi distanti, fare tante foto, ma anche imparare cose nuove che ci permettano di migliorarci.
Possiamo leggere, frequentare corsi, studiare e occuparci della pianificazione dei prossimi mesi. Insomma: dedicarci un po’ di più ai lavori intellettuali, approfittando del fatto che, ad esempio, dedicarsi alla modellazione e al ricamo o all’uncinetto può essere una vera tortura con il caldo!

L’importante però è non lasciare che tutto questo sapere acquisito resti solo teorico.
Più si sa, più si scopre di non sapere tutto.
Ma è altrettanto vero che si migliora facendo cose concrete,
sporcandosi le mani, lavorando in modo pratico!

L’ansia da prestazione e il perfezionismo spesso sono i motivi per cui non traduciamo in fatti ciò che abbiamo imparato nello studio teorico.
Ma… Ci sarà mai il momento perfetto per partire? Arriverà mai il momento in cui davvero ci sentiremo pronte perché avremo la certezza di fare tutto alla perfezione?
La risposta è davvero semplicissima: NO!

Perfezionismo, ansia da prestazione, paura di sbagliare, dubbi di vario genere sono freni che conviene riconoscere e arginare appena possibile.
E se ti chiedi come si può fare, te lo dico in fretta: passa all’azione! E’ davvero l’unico modo per capire se i tuoi dubbi e le tue paure sono fondati oppure no.
Sarai capace? Non lo scoprirai fino a che non provi. A quel punto i risultati possibili saranno solo due: riuscirai oppure no.
  • Se riesci, puoi davvero mettere a tacere tutte le tue paure una volta per tutte! Potrai fare un sospiro di sollievo e potrai anche darti della sciocca per tutto il tempo che hai perso dando retta all’ansia, ma soprattutto avrai guadagnato tempo rispetto al restare ancora bloccata nel frastuono dei tuoi mille pensieri limitanti.
  • E se non riesci… beh come ci insegna il Maestro Yoda “Il più grande maestro il fallimento è” e sei comunque sicura di aver fatto lo stesso un passo in avanti: avrai tolto un errore dai possibili errori in cui potrai incappare di nuovo al prossimo tentativo.
Quindi, non essendoci nulla di più vero del detto “Sbagliando si impara”, smettila di farti frenare dalle paure e inizia ad agire!
E se poi, man mano che farai cose pratiche, troverai lacune da colmare, saprai cosa fare per superare gli ostacoli, affrontandoli uno per volta se e quando si presenteranno!

Quando non lasci spazio alle preoccupazioni (che spesso sono infondate) e ti dedichi al Fare senza inchiodarti sulla linea di partenza, puoi capire anche che i traguardi che vuoi raggiungere sono di fatto più vicini di quel che immaginavi, anche perché -nel frattempo- ti sei già messa in marcia!

L’importante è farsi un minimo di programmazione, impostare una traccia da seguire per non perdere la rotta man mano che avanzi.
Questo è tanto più utile quanto più hai faticato a partire perché il più delle volte, una volta affrontati con successo i primi passi, è facile farsi prendere dall’euforia e iniziare a voler fare miliardi di cose in miliardi di direzioni diverse. Ecco: se ti lasci prendere la mano dall’entusiasmo, inizi a girare in piroette favolose che però ti portano davvero ad essere inconcludente e sempre più lontana dai tuoi veri obiettivi.
Quindi forza!
Programma quello che vuoi ottenere nei prossimi mesi, metti giù uno schema da seguire o una lista di cose da fare correlate a quell’obiettivo e inizia davvero la tua avventura!

Quello che ti serve,
o lo hai già o sai dove trovarlo!

Inoltre sai che sono qui apposta per aiutarti!
Se vuoi ad esempio migliorare la tua organizzazione o la qualità delle tue foto, possiamo lavorare insieme a questi argomenti, oppure scrivimi per un percorso personalizzato.



...E se vuoi seguirmi anche su YouTube, puoi approfondire i temi di ogni articolo:

Elisa - Creaidee

Nessun commento:

Posta un commento