I 3 livelli di personalizzazione degli articoli handmade



Uno dei più grandi vantaggi che un artigiano può offrire ai suoi clienti è quello della personalizzazione, ossia di poter offrire articoli che - oltre ad essere fatti a mano - sono anche fatti su misura.
L'artigiano ha infatti le competenze tecniche per poter produrre un oggetto (ovviamente relativo al suo ambito) secondo le preferenze richieste dal cliente.


UN ERRORE CHE FORSE FAI ANCHE TU
Uno degli errori che io vedo fare di frequente è il non valutare il valore della personalizzazione. Eppure è un servizio in più o un valore aggiunto che viene offerto ai clienti!
Un vestito sartoriale e fatto su misura sappiamo tutti che costa di più rspetto ad un abito pret-a-porter! Non ci lamentiamo affatto della differenza di prezzo, anzi: il costo maggiore è motivo di vanto, è la riprova del pregio di quell'abito. Questo è un corretto modo di rapportarsi al lavoro artigianale fatto su misura, perchè attribuisce ad esso un valore aggiuntivo che ne giustifica il prezzo.

Capita però di vedere situazioni in cui i prezzi dei manufatti personalizzati vengono lasciati in linea con quelli dei prodotti “standard”.
L'abito sartoriale viene valutato dall'artigiano quanto l'abito pret-a-porter.
Il cliente si adegua, paga quanto gli viene chiesto... e fa un grande affare!
In questo caso è l'artigiano a non attribuire valore al suo lavoro e, permettimi di dire che è una cosa davvero grave (soprattutto se consideriamo tutto il lamentarci che le persone -ossia i potenziali clienti- non comprendono il valore dell'handmade)!

Il lavoro di personalizzazione è un lavoro impegnativo e, se non gli si dà il giusto valore, le persone (clienti e non) si abituano all'idea (sbagliata) che un lavoro fatto su commissione e su misura abbia lo stesso valore (e quindi prezzo) di un lavoro non personalizzato.
Dunque il problema non si limita alla singola vendita, ma crea un possibile danno a tutta la categoria di chi lavora nell'ambito dell'handmade.


COME GESTIRE QUESTO PROBLEMA?
Più rendi chiaro il tuo lavoro e il valore che ha, più il cliente avrà la possibilità di capirlo e dare anche un senso al prezzo. Magari capirà anche che il prezzo di un oggetto personalizzato è fuori dalla sua portata e si orienterà quindi su oggetti non personalizzati o con una personalizzazione su modello!


Se tu infatti inizi a strutturare le tue offerte tenendo conto di diversi tipi di personalizzazione, riuscirai anche a far capire molto più chiaramente le varie possibilità che il tuo lavoro offre e riuscirai anche ad attribuire (e far capire) il giusto valore di ogni cosa.

Vediamo quindi quali sono i diversi livelli di personalizzazione.

  • PERSONALIZZAZIONE ZERO
    La personalizzazione “a livello zero” è quella che... non c’è!
    Significa che tu realizzi l’oggetto a modo tuo, secondo il tuo progetto, la tua ispirazione e i tuoi gusti e lo poni in vendita così come è.
    Non essendo prevista nessuna personalizzazione, non sono previste possibilità di fare modifiche sull’oggetto, ed ovviamente neanche sul prezzo. (Non sai quali sono i parametri per calcolare i prezzi dei tuoi oggetti handmade? Guarda QUI)
  • PERSONALIZZAZIONE SU MODELLO
    In questo caso, anche se proponi un oggetto fatto sulla base di un tuo schema e del tuo gusto personale, presenti il tuo articolo handmade proponendo già anche delle varianti fra cui il cliente può scegliere. Offri quindi delle possibili personalizzazioni, ma le limiti secondo certi parametri stabiliti da te. Ti faccio degli esempi.
    Esempio: Creo un fiocco nascita e cambio una parte del progetto iniziale offrendo così delle varianti: l’orsacchiotto può essere sostituito con un coniglietto o un elefantino. In questo caso le varianti sono prestabilite ma possono anche comportare una variazione di prezzo dell’oggetto, perché possono cambiare i costi di produzione, il tempo di produzione o anche i costi del materiale necessario.
    Altro esempio: Creo una collana e la propongo in 5 diverse varianti di colore. Il modello rimane lo stesso, ma puoi avere una modifica (appunto del colore) secondo le variabili che offro a disposizione. Se mi chiedi la collana in un colore che non è fra le varianti proposte, dovrò farti un preventivo nuovo e cambierà magari anche il prezzo della collana finita: mi stai chiedendo una personalizzazione su misura (Vedi sotto)
    Le varianti possono riguardare anche più parametri diversi (es: sia il colore che la forma), ma sono stabilite a priori da te.
  • PERSONALIZZAZIONE SU MISURA
    In questo caso, a prescindere da quello che metti a disposizione di già pronto o con personalizzazione su modello, il cliente ti chiede un oggetto unico, fatto sulla base di una sua idea.
    Questo comporta un lavoro totalmente diverso da parte tua, perché prima ancora di iniziare a lavorare devi comunicare con il cliente per capire la sua idea, valutare se è realizzabile da un punto di vista tecnico, se può dar vita a qualcosa di resistente e qualitativamente valido e per cui valga davvero la pena lavorare.
    Contiamo poi che spesso l’unica idea chiara del cliente è che vuole un oggetto personalizzato che gli piaccia, mentre tutto il resto della sua "idea" è molto vago e incerto! Spesso quindi devi non solo capire, ma addirittura interpretare, intuire… e sperare che il cliente non metta in discussione anche i consigli che magari gli dai basandoti sulle tue competenze tecniche!

    Tutto il lavoro progettuale, essendo fatto “a quattro mani” deve anche essere spiegato e fatto comprendere al cliente, tenendo però conto del fatto che il cliente non ha le tue competenze tecniche. E' una grande fatica!
    ...E hai solo stabilito il progetto! Poi puoi occuparti del preventivo personalizzato e in ultimo, finalmente, alla parte operativa: la realizzazione dell’oggetto!

    Come vedi la mole di lavoro è decisamente più grande rispetto al fare un oggetto "a modo tuo", perchè tutte quelle parti di progettazione e valutazione iniziali tu le fai in modo spedito e quasi automatico.
    Oltretutto ti converrà tenere anche in considerazione una certa dose di rischio: spesso il cliente, non sapendosi immaginare il risultato finito, rimane deluso o poco convinto dell’oggetto che crei sulla base del vostro progetto. Quindi preparati a una nuova fase di lavorazione: quella dei ritocchi e delle modifiche per non scontentare il cliente e non perdere completamente il lavoro ormai fatto.
    Lavorare su commissione e con personalizzazione totale è un lavoro enorme e dispendioso in termini di tempo e di energie... e a volte anche di materiale.


IL VALORE DEL LAVORO SU MISURA
Dare valore al lavoro handmade è qualcosa a cui teniamo. Dare valore al lavoro su misura dovrebbe essere altrettanto importante.

Perché però spesso non lo si fa pagare per quello che vale?
Credo che molte volte la remora stia nel fatto che l’oggetto su misura sia simile -a livello di impatto visivo – ad altri oggetti presenti nel proprio catalogo.
Eppure la mole di lavoro che sta alla base della lavorazione su misura è completamente diversa, come abbiamo detto poco fa, quindi è giusto che questo servizio di personalizzazione unica venga riconosciuto.

Come farlo capire al cliente? Dicendoglielo!
Fino a che il cliente non viene a conoscenza del fatto che due lavori anche esteticamente simili possono avere una enorme differenza di lavoro alle spalle, non potrà neanche capire e giustificare una differenza di prezzo.

Quindi… rendi chiare le differenze fin da subito nel tuo shop!
Spiega chiaramente in cosa consiste il lavoro su misura, in cosa si differenzia dagli altri, quanto impegno in più richiede sia a te che al cliente.
Mostra tutti i vantaggi del lavoro su misura, fai pregustare l'unicità e l'originalità che si può avere grazie ad un lavoro completamente personalizzato, e vedrai che sarà anche molto più facile che il cliente ne capisca e ne giustifichi ed anche il prezzo.

Magari, come dicevo prima, capirà anche che il prezzo di un oggetto su misura è fuori dalla sua portata, ma si potrà orientare sugli oggetti con personalizzazione a modello o non personalizzati che avrai a disposizione!



Questo tema così ricco e interessante ha dato vita ad un bel dibattito all'interno del Gruppo della Craftroom. Vuoi vedere la diretta in cui ne abbiamo discusso? Ecco QUI il link!
E se non fai ancora parte della Craftroom, iscriviti subito!

Elisa Creaidee

Nessun commento:

Posta un commento