La vera importanza dei numeri su Facebook



Quanta importanza devi dare ai numeri sulla tua pagina Facebook? Quanto contano i like alla pagina, i followers, le reazioni e i commenti ai tuoi post?
Contano. Indubbiamente ed istintivamente contano. Ma come? E perché?


Innanzitutto partiamo dalla base: dietro ad ogni tuo numero, c’è una persona. Una persona che ha scelto di manifestare il suo consenso o dissenso a qualcosa che hai proposto sul social.
Tu, del resto, scegli di pubblicare sui social contenuti ed esporre i risultati del tuo lavoro creativo allo scopo di mostrare (e dimostrare) la tua bravura, le tue capacità, la tua competenza.
Se anche il tuo fine ultimo è vendere e guadagnare, avresti molte altre alternative ai social per ottenere questo scopo. Scegliere i social network significa aggiungere un piccolo enorme tassello: la comunicazione verso e con la collettività oltre al desiderio di raggiungere molte persone in poco tempo ed averne l’approvazione, perché solo con questa si  può riuscire a vendere.


Ogni input positivo che riceviamo da ciò che ci circonda, genera nel nostro organismo un rilascio di dopamina, un neurotrasmettitore che insieme ad altri è capace di stimolare le nostre emozioni e di darci una sensazione di benessere.
Rilasci eccessivi di dopamina, endorfina, noradrenalina e serotonina sono alla base delle dipendenze come quelle legate alle droghe e all’abuso di alcool... ma anche i social creano dipendenza.

Al di là degli eccessi e delle situazioni anomale e patologiche, ciò su cui mi voglio concentrare è il processo che si viene a creare a livello fisico in ciascuno di noi.
La sete di approvazione più o meno inconsapevole, combinata all’effetto chimico che avviene nell'organismo, genera la smania di rincorrere i numeri sulle nostre pagine.


Abbiamo bisogno di piacere e di sentirci approvati.
Questi meccanismi si ripercuotono su ciò che facciamo e su come ci poniamo rispetto alla nostra stessa presenza sui social network.
Badiamo molto ai numeri perché li riteniamo istintivamente indici del nostro successo. In verità stiamo reagendo sulla base della reazione chimica di cui non siamo consapevoli che avviene nel nostro organismo.
Addirittura quando i numeri restano fermi o subiscono dei cali ci si arrabbia e ci si abbatte fino ad avere la tentazione di abbandonare ogni progetto o si crede di essere inadeguati o non capaci solo basandosi su un riscontro numerico, che magari non dipende da noi, dalle nostre scelte o da cose su cui abbiamo controllo.


Avere molti like dà una sensazione di benessere immediato per il proprio ego,
ma è decisamente sterile e poco profittevole a livello di risultati e marketing.

Non curare le relazioni con le persone equivale a buttare al vento ogni propria possibilità di successo.
La verità completa infatti è che anche chi ti legge e ti segue subisce gli stessi tuoi processi chimici, e partecipa sui social con la tua stessa motivazione di fondo: sentirsi parte di un gruppo in cui ha consenso e approvazione.
Il suo like alla tua pagina è una dichiarazione personale, ma al contempo è la manifestazione di una parte di sé stesso: quella che esprime al mondo di gradire il genere di cose che tu crei o di cui ti occupi.
Un suo commento è una dichiarazione ancora più manifesta ed è completata dall’azione di mettersi in gioco ed esporsi apertamente. Dietro a questa semplice azione si scatenano forti (seppur inconsapevoli) emozioni di eccitazione e sfida, così come la ricerca dell’approvazione di cui abbiamo parlato prima.
Se tu reagisci a questo “impegno” sostenuto da chi ti segue, fai sì che nel suo organismo si crei una sottile scarica di benessere, che favorirà un ritorno alla tua pagina per il piacere  che ha avuto di sentirsi accettato e approvato.
Più questa sensazione è forte e positiva, più si crea un legame fra te e lui, ed ha probabilità di instaurarsi una relazione comunicativa, che può essere volta alla vendita.

Le relazioni fatte di sentimenti positivi reciproci e continui nel tempo, quelle che diventano durature e profittevoli, non hanno molto a che fare con i numeri, ma con gli scambi comunicativi, le risposte ai commenti, le reazioni a ciò che viene detto e fatto dai followers, il valore e l’importanza che si dà agli altri e le emozioni di piacevolezza che si lasciano nelle persone con cui entriamo in contatto.

Non fissarsi sulla quantità di like alla pagina, ma avere e ricercare fitti scambi di risposte nei commenti quindi è ciò che conta di più sia per la nostra vera autostima, sia per i nuovi meccanismi dell’algoritmo, sia per il nostro processo di vendita.





E tu quanto ti fai condizionare nelle tue scelte dai numeri sulla tua pagina Facebook?
Quanto impatto hanno sul tuo umore i like che ricevi?

Scrivimi qui sotto nei commenti la tua esperienza,
oppure puoi raggiungermi su Facebook per dirmi la tua!

Elisa - Creaidee

2 commenti:

  1. Dapprima mi facevo condizionare dal numero di like, ora non più.
    Mi genera molto più soddisfazione e autostima le interazioni che ho attraverso la mia pagina e i commenti e i like ai post sono sicuramente più positivi e meno sterili.
    Danno di visibilità più che di un like e penso che con un po' di impegno e costanza, tutto torna, compreso la finalità alla vendita.
    A te grazie come sempre, sei ineguagliabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, come ho anche scritto, sono convintissima che una buona relazione con il proprio pubblico sia alla base di ogni business che funziona.
      E al di là del lato economico e legato al profitto, niente dà soddisfazione quanto il buon rapporto che si può avere con le persone che seguono ciò che fai e dimostrano interesse e stima nei tuoi confronti. Quello è davvero gratificante e ripaga molti degli sforzi fatti.

      Ed anche per questo... Grazie mille per l'affetto che mi dimostri sia qui che su Facebook e nel Gruppo della Craftroom, Annalisa!

      Elimina