Il tuo hobby diventerà il tuo lavoro?


Ma tu lo sai come è possibile far diventare il tuo hobby un vero e proprio lavoro?
Sai cosa ti serve per trasformare le tue passioni nella professione dei tuoi sogni? 
 
Si tratta di capire la distinzione fra hobby e lavoro!
Eh sì, il segreto è tutto racchiuso lì, davvero a portata di mano eppure così complesso da definire, per qualcuno.
Beh, per molti sarà facile rispondere che ciò che distingue un hobby da un lavoro è che nel lavoro si vende ciò che si fa. Altri possono dire che la differenza è che fai diventare il tuo hobby un lavoro quando decidi di aprire una Partita Iva.
Per certi versi sono vere entrambe le cose, ma c’è qualcosa di decisamente più grande e potente a determinare la Vera Differenza: l’atteggiamento.
La cosa più bella è che L’Atteggiamento non fa i conti con i soldi che già possiedi e non guarda neanche se vivi in un paesino o una metropoli.
L’Atteggiamento ha un’altra caratteristica splendida: si può imparare e lo si può allenare.



Se hai un hobby creativo significa che hai deciso di dare spazio al tuo desiderio di creare. Sei guidata da una vera passione personale che vuoi sfogare, perché è un’espressione della tua personalità e del tuo carattere, quindi non puoi neanche trascurarla a lungo.
Ti diverti a creare oggetti nuovi, e per te ogni momento è buono per creare qualcosa di nuovo. Oltretutto per te è davvero gratificante ciò che fai: ti mette di buonumore e creando riesci veramente a rilassarti.
Anche se crei prevalentemente per il tuo piacere personale, se qualcuno apprezza ciò che fai diventi felicissima.

Immagino che fino a qui tu ti possa riconoscere pienamente!
Andiamo avanti.

Se ti viene chiesto di realizzare qualcosa di personalizzato non ti tiri certo indietro e sei soddisfatta all’idea che la tua passione ti stia dando la possibilità di autofinanziarsi, almeno in parte.
L’entusiasmo degli altri per ciò che fai ti gratifica e ti sprona a continuare, ed inizi a cercare modi per pubblicizzare ciò che fai per autofinanziare il tuo passatempo.
Partecipi a mercatini, pubblichi sui social fotografie dei tuoi lavori e cerchi di pubblicizzare le tue creazioni non solo fra amici, colleghi e parenti, ma anche prendendo contatti con negozi della tua zona.

Anche qui, immagino che tu ti possa almeno in parte riconoscere. Giusto?

L’idea di fare del tuo hobby un lavoro ti fa compagnia tutti i giorni. La tua creatività, oltretutto, ti gratifica così tanto che ti è sempre più facile vedere ciò che di brutto e faticoso c’è nel tuo lavoro ufficiale. Se quando crei sei felicissima, durante il lavoro vedi aumentare la tua insoddisfazione e l’insofferenza.
Decidi quindi di dare sempre più spazio alla tua passione, così da poterti liberare completamente del tuo lavoro.
Ti imponi di essere costante nelle tue pubblicazioni sui social e ti imponi di essere più produttiva, fissandoti degli obiettivi da rispettare per creare di più.

Ciò che però fa la differenza fra il riuscire e il non riuscire è il maturare in te dell’atteggiamento imprenditoriale che rende più formale, distaccato ed analitico il tuo lavoro creativo.
Se vuoi far diventare il tuo hobby un vero e proprio lavoro, lo devi trattare come un lavoro!
Essere produttivi e costanti è fondamentale, ma se non ti fissi degli obiettivi -anche economici- e non dai spazio al lavoro (tutt’altro che creativo) di analisi e studio, di marketing e statistiche, difficilmente arriverai a raggiungere il tuo sogno. Semplicemente perché tu per prima lo tratti come un sogno e non come un vero e proprio progetto di lavoro.
Certo, c’è da rimboccarsi le maniche ed impegnarsi!
Magari sarà anche più noioso impegnarti perché anche qui, nel lavoro dei tuoi sogni, troverai il grande contrasto fra ciò che ti gratifica e vorresti con tutto il cuore, e ciò da cui scapperesti a gambe levate!

Ma del resto è così che funziona

Tutti gli imprenditori sono ispirati da una scintilla di sogno, all’inizio della carriera, e quella scintilla è un porto sicuro che dice “Sì, lo stai facendo per questo!” anche quando la parte più creativa sembra sempre più nascosta sotto numeri e incombenze.
Ma è così che funziona un lavoro! Anche quando nasce da un hobby creativo!
La tua motivazione sarà sempre in quella scintilla che ti guida a fare i passi giusti sul percorso.
Ma ricordati che il tuo percorso è già in essere! Te lo stai creando già a partire dal giorno in cui hai deciso di dare sfogo e spazio alla tua creatività, e continua a formarsi man mano che avanzi anche nelle cose più piccole e apparentemente insignificanti, di cui neanche ti accorgi.
Fai un passo sul percorso ogni volta che decidi di accettare una commissione, o scegli di rifiutare un lavoro che non ti piace. Crei il tuo percorso mentre pubblichi le tue foto su Instagram, quando scegli quali hashtag usare o se è meglio pubblicare sulla Pagina o sul Profilo di Facebook; mentre scatti fotografie alle tue creazioni o mentre decidi con quale tovaglia coprire il tuo banco per il prossimo mercatino.

Se quindi davvero vuoi far evolvere il tuo hobby e vuoi farlo diventare un lavoro, puoi partire a considerare in modo diverso e più professionale anche le piccole cose che fai già adesso.
Ovviamente, se ti serve un aiuto, io ci sono… a partire da QUI!

Elisa - Creaidee

2 commenti:

  1. Sei davvero stimolante cara Elisa!
    Il sogno di tante noi creative! Speriamo si riesca anche a farlo diventare realtà.
    Ti auguro una Santa Pasqua ricca di serenità.
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
  2. Grazie mille Maria!
    La creatività lascia così tanto spazio a ciascuno per esprimere il meglio di sè e del proprio saper essere, che è un peccato lasciar i propri sogni chiusi in un cassetto e le speranze nascoste, non trovi?
    Se riesco a spronare a iniziare, o a persistere... mi sento di fare qualcosa di buono per tutti!

    Una felice e serena Pasqua anche a te, cara Maria!
    A presto!
    Ely

    RispondiElimina