Essere o apparire? Handmade e identità



Quando decidi di lavorare con le tue passioni, ti scontri molto presto con un aspetto fondamentale: l’identità.
Arrivi alla fatidica questione “Io chi sono? Io come voglio apparire?”
Sembra una sciocchezza ma non lo è affatto.

E’ possibile che le risposte a queste due domande siano differenti?
Sì, una identità personale ed una identità di “marchio” è possibile siano diverse.
Ad esempio è possibile in una grande azienda in cui 20 persone decidono come deve mostrarsi il marchio: il pensiero individuale ha un valore meno importante e la risposta a “io chi sono?” può essere anche molto diversa dalla risposta a “come deve apparire il marchio per cui lavoro?”.
Tuttavia nell’handmade l’artigiano che crea è l’azienda intera. Non ci può quindi essere una differenza troppo grande fra le due risposte. Questo per il semplice fatto che la coerenza è un altro elemento prezioso da tenere in considerazione.

Il modo in cui ti poni, i valori in cui credi e che manifesti -consapevolmente o no- nelle cose che fai e che dici, devono essere in linea con quello che esprimi attraverso i prodotti che cerchi di vendere.
In caso contrario risulterebbe visibile il contrasto e perderesti credibilità, daresti meno fiducia a chi ti segue.

Meno fiducia = meno vendite
Meno coerenza = meno vendite
Meno identità = meno vendite

In sostanza, vendere è molto più facile (e bello, divertente, gratificante) quando appari esattamente come sei, quando fai le cose che ti piacciono e queste sono in linea con il tuo modo di essere.

Insomma... Butta via la maschera!
Smettila subito di apparire anziché essere!
Se lasci trasparire ciò che sei, senza adeguarti a ciò che credi gli altri possano pensare di te, senza pensare ai giudizi che possono dare, senza modificarti per piacere per forza agli altri, allora attirerai verso di te le persone che sono in linea con il tuo modo di essere.
Sarà quindi molto più facile andare d’accordo con i clienti, instaurare un rapporto chiaro, lineare e limpido con loro. Il tuo lavoro sarà molto più sereno e piacevole sotto ogni aspetto.

In quest’ottica quindi un po’ di adattabilità va bene, ma senza stravolgimenti enormi.
Soddisfare i clienti ad ogni costo e continuare a fare cose che non ti piacciono solo per non perderti una vendita, ti porterà a perdere un po’ della tua identità, ad essere meno coerente con te stessa, a lavorare con più fatica e meno piacere, e un poco per volta perderai il tuo entusiasmo per ciò che fai.

Non costruirti da sola la tua gabbia!
Sii coerente e concediti anche di non accettare una commissione,
se non la senti in linea con ciò che sei e che ti rappresenta.

Lavorare con la tua passione ti deve appassionare!
Devi essere sinceramente soddisfatta di quello che fai.
Questo è possibile quando c’è un reale allineamento
fra ciò che vuoi fare e ciò che realmente fai.

E ricordati che se è vero che tu non puoi piacere a tutti, è altrettanto vero che tu puoi decidere di non soddisfare i desideri di tutti.
Non accanirti a vendere qualsiasi cosa a qualsiasi persona! Creati la tua clientela facendo una selezione basata proprio sulla tua coerenza e sulla tua identità.

Questa prospettiva non ti deve far paura: mantenendoti coerente, gradualmente renderai più forte la tua identità e la renderai sempre più chiara e visibile. Questo attirerà a te proprio le persone che apprezzano i tuoi lavori ed il tuo stile, ed il cliente che avrai “rifiutato” ieri verrà compensato da due clienti più gestibili domani.

Non avrai perso nulla: avrai solo scelto di essere fedele a te stessa ed alle tue passioni, ed avrai guadagnato molto di più.


E tu cosa ne pensi? Come ti poni nell'approccio alla vendita?
Scrivimelo nei commenti o via mail, oppure parliamone su Facebook!
Ti aspetto! 😘

Elisa - Creaidee

Nessun commento:

Posta un commento